EVENTI

Aggiornamento Piano Generale del Traffico Urbano e Piano Particolareggiato della sosta del Comune di Gessate

TIPOLOGIA ATTIVITA'
Attività svolta su incarico del Comune di Gessate

GRUPPO DI LAVORO
Franco Sacchi [Direttore responsabile], Mauro Barzizza [capo progetto], Maria Evelina Saracchi, Paola Pozzi [staff PIM]; Sara Bonvissuto, Luca sterpi, Pierluigi Roccatagliata [collaboratori esterni];

CODICE RICERCA
CON_02_11

DATA
Luglio 2012


CONTENUTO ESSENZIALE

Il PGTU si propone, in sintonia con le previsioni di più ampio respiro (PGT e interventi infrastrutturali sovracomunali), di individuare le risposte idonee alla risoluzione delle criticità esistenti per le diverse componenti della mobilità: pedoni, cicli, trasporto pubblico, autovetture e mezzi pesanti. Il Piano Urbano del Traffico è infatti uno strumento tecnico-amministrativo di breve periodo (durata biennale), finalizzato a conseguire il miglioramento delle condizioni della circolazione e della sicurezza stradale, la riduzione dell’inquinamento acustico ed atmosferico, il contenimento dei consumi energetici, nel rispetto dei valori ambientali e fa riferimento alle infrastrutture esistenti e ai progetti in fase di attuazione, rispetto ai quali individuare gli interventi di riorganizzazione dell’offerta e di orientamento della domanda.

I contenuti del PUT vengono distinti su tre livelli di progettazione. Il 1°livello di progettazione è quello del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU), inteso come piano quadro. Il 2° livello di progettazione è quello dei Piani Particolareggiati del traffico urbano, intesi quali progetti per l’attuazione del PGTU, relativi ad ambiti territoriali più ristretti di quelli dell’intero centro abitato o a particolari tematiche. Il 3° livello di progettazione è quello dei Piani esecutivi del traffico urbano, intesi quali progetti esecutivi dei Piani Particolareggiati del traffico urbano.

Il Piano è costituito di due parti: la fase analitica e la fase propositiva/progettuale precedute da una sintesi delle previsioni infrastrutturali di medio-lungo periodo (realizzazione della TEEM, della BREBEMI e relative opere connesse), al fine di programmare/realizzare nel breve periodo interventi in sintonia con tali pre-visioni di più ampio respiro. Il quadro conoscitivo è stato ottenuto mediante: la lettura di dati e di documentazione disponibili dalle fonti ufficiali, l’effettuazione di indagini e sopraluoghi sul campo (maggio-giugno 2011), la ricostruzione dei carichi di traffico che interessano il Comune di Gessate (mediante una campagna di rilievi – maggio 2011 – e l’utilizzo dei dati disponibili nella banca dati del Centro Studi PIM), ecc.. Nella parte propositiva, fermo restando l’indispensabile realizzazione degli interventi previsti a livello sovracomunale, al fine di trasferire esternamente al centro abitato il traffico di attraversamento (scenario di lungo periodo), per la finestra temporale di breve periodo propria del PGTU, con riferimento alle criticità e alle problematiche emerse nella fase analitica, il Piano propone una serie di interventi, differenziati in relazione al ruolo di ciascuna strada, atti a moderare la velocità a migliorare la mobilità dei pedoni e dei ciclisti e a scoraggiare il traffico veicolare, in particolare:

  • il riassetto delle intersezioni Brianza-Europa-Sondrio, Montello-Campo del Ponte e Badia-Repubblica;
  • la riqualificazione dell’intersezione Gramsci-Monza e la realizzazione di un attraversamento ciclabile;
  • la messa in sicurezza dell’attraversamento ciclo-pedonale sull’asse di via San Pancrazio;
  • la messa in sicurezza delle piazze Aturia e Della Cittadella;
  • la realizzazione di interventi di moderazione sull’asse di via Badia;
  • la progressiva realizzazione delle Isole Ambientali/Zone 30 e la messa in sicurezza/completamento dei percorsi ciclabili esistenti.

 

Il Piano Particolareggiato della Sosta (PPS) è un approfondimento del (PGTU)per la tematica della sosta.

In relazione alle criticità emerse nel PGTU, il Piano Particolareggiato affronta le tematiche relative alla sosta con particolare riferimento all’ambito del capolinea della linea metropolitana M2, alle vie adiacenti e al comparto sud del Comune di Gessate.

La fase analitica del PPS riprende le informazioni relative all’offerta e all’organizzazione della sosta, raccolte nell’ambito del PGTU e approfondisce ulteriormente il tema della domanda di sosta e del rapporto con l’offerta attraverso un’indagine sul campo. L’indagine è stata effettuata in due giorni feriali tipo del mese di maggio 2011, nelle vie del territorio di Gessate a sud dell’asse di via Repubblica ed è finalizzata a raccogliere informazioni legate a: quantificazione della domanda in rapporto all’offerta disponibile, tasso d’occupazione e durata media della sosta (al mattino, al pomeriggio, in tutta la giornata).

Individuati i punti di forza, di debolezza e le criticità, nella fase propositiva il PP, a seguito del confronto con l’Amministrazione e la struttura tecnica comunale, propone una serie di provvedimenti da attuare, di-versificati sul territorio del comune di Gessate e finalizzati ad eliminare le criticità e le conflittualità emerse nella fase analitica. Tali provvedimenti dovranno essere condivisi, attraverso un processo partecipativo, con la cittadinanza, al fine di illustrarne i benefici e raccogliere eventuali aspetti/problematiche puntuali, prima di procedere alla realizzazione di uno specifico progetto esecutivo di attuazione.

Questo sito web utilizza i Cookies, anche di terze parti, al fine di migliorarne la navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito l’utente acconsente ed accetta l’uso dei Cookies.

E’ attivo il progetto FABPIM – Facilitazione Abilitazione Bandi: un nuovo servizio che il Centro Studi PIM dedica esclusivamente ai propri Soci.

www.pim.mi.it/fabpim