Procedura di Verifica di Assoggettabilità alla Valutazione Ambientale Strategica della proposta di Piano Integrato di Intervento “Curt di Mansitt” in variante al PGT vigente del Comune di Burago di Molgora

TIPOLOGIA ATTIVITA'
Attività Istituzionale soggetta a contributo aggiuntivo (artt. 2 e 3 dello Statuto) su incarico di Comune di Burago di Molgora

GRUPPO DI LAVORO
Franco Sacchi [Direttore responsabile],

Francesca Boeri [capo progetto], Cristina Alinovi,Maria Evelina Saracchi [staff PIM]

 

 

 

CODICE RICERCA
IST_25_18

DATA
Marzo 2019


CONTENUTO ESSENZIALE

La Verifica di Assoggettabilità alla VAS,oggetto dell’Attività istituzionale a favore del Comune di Burago di Molgora, èstata awiata dal Comune di Burago,con DGC n.103 del 19/12/2018, in seguito al deposito del Programma Integrato Intervento,denominato curt di Mansitt•,da parte della proprietà dell’area, una volta riscontrate le difformità del PII rispetto al PGT vigente.
Il Rapporto preliminare viene redatto allo scopo di accertare l’insussistenza, relativamente alle matrici ambientali investigate,di ricadute negative del PII in Variante,al fine di assicurarne la piena sostenibilità e quindi di dimostrare la necessità diprocedere o non procedere con la Valutazione Ambientale Strategica {VAS).
La Curt diMansitt si trova all’angolo fra Piazza Matteotti e Largo Crocefisso in Burago diMolgora: è l’unica corte a presentarsi ancora nella sua conformazione originale.Tra gli edifici presenti- quasi integralmente in condizioni di degrado – troviamo fabbricati storici con superfetazioni di vario genere, edifici più o meno recenti di modesto valore architettonico quali la villetta monofamiliare centrale ed ilfabbricato di testa bifamiliare,le vecchie stalle ed i locali di servizio.
Il PGT vigente,individua nel Piano delle Regole l’area denominata Curt diMansitt all’interno del Nucleo di antica formazione,distinguendo le varie corti al suo interno e le relative modalità di intervento:
– ristrutturazione con mantenimento della sagoma esistente di una parte degli edifici,con l’obiettivo principale di recuperare edifici a corte;
– ristrutturazione o nuova costruzione con modifica delle sagome esistenti,favorendo nel contempo la creazione di nuove relazioni con ilcontesto,per l altra parte diedifici.
La proposta di Programma Integrato di Intervento,oggetto della Verifica diAssoggettabi lità alla VAS, depositato presso il Comune di Burago,richiede la possibilità di modificare ivolumi esistenti di tutti gli edifici,eliminando il vincolo di mantenimento della sagoma cheinteressa molti dei fabbricati della corte.
La necessità di modificare alcunevolumetrie per poter operare con coerenza su tutta la Corte comporta la non conformità con lo strumento urbanistico vigente e quindi presuppone la redazione diuna variante allo stesso.
Il Programma Integrato di Intervento produrrà di conseguenza un proprio quadro normativo che – in coerenza con le normative vigenti ed iprincipi di riqualificazione che ispirano tutto il PGT – andrà a sostituire le indicazioni operative dicuialla tavola A2/1 dello stesso e a ridefinire iparametri di cui all’art.5 delle NTA del Piano delle regole. Il Programma integrato di intervento prevede la contestuale realizzazione di opere di interesse pubblico,non già contenute nel Piano dei Servizi del PGTvigente,ma concordati con l’Ammi nistrazione comunale,come misure di “compensazione”,ai fini della realizzazione dell’intervento stesso;si prevede,infatti,la riqualificazione delle aree pubbliche collocate a nord della Curt di Mansitt (realizzazione di una nuova rotatoria, potenziamento di parcheggi, riqualificazione parco dilargo Crocefisso).
La verifica di coerenza con glistrumenti di pianificazione dilivello sovracomunale non ha rilevato elementi di incompatibilità e contrasto: in generale le azioni previste dal PII invariante non presentano elementi di contrasto con le linee guida individuate dalla pianificazione sia di livello regionale,sia di livello provinciale.
Dal punto di vista dei possibili impatti ambientali derivanti dalla proposta diPII,l’analisi condotta ha permesso di fare le seguenti considerazioni:
– la proposta di PII in variante al PGT prevede di estendere la possibilità di modifica delle volumetrie e delle sagome esistentiall’intero complesso di Curt di Mansitt,con l’obiettivo diriqualificare e ricollocare la Corte all’interno dello spazio urbano con un nuovo ruolo,senza comportare nuovo consumo di suolo;
– dal punto di vista tipologico il PII prevede la conferma di soluzioni architettoniche storicamente e simbolicamente
significative,quali l’edificio con porticato/ loggiato che,incontinuità con le prescrizionidel PGT,verrà riproposto con il mantenimento delle caratteristiche architettoniche e di alcunimateriali esistenti e l’inserimento di tipologie residenziali appartenentialla tradizione locale;
– la rigenerazione di questo ambito porterà alla realizzazione di un nuovo comparto edilizio con caratteristiche adeguate a garantire una maggiore efficienza energetica, minori consumi e contenimento delle emissioniin atmosfera,adottando le opportune soluzioni progettuali dettate dalle normative disettore e dalle indicazioni del PGT di Burago di Molgora

Se ti piace condividi la pagina su:

Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, al fine di migliorarne la navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito l’utente acconsente ed accetta l’uso dei cookie.

SHARES