Riqualificazione linea ferroviaria FNME Saronno-Seregno. Progetto definitivo – Integrazioni al SIA

TIPOLOGIA ATTIVITA'
Attività svolta su incarico di Ferrovie Nord Milano Ingegneria affidata al Centro Studi PIM, a Pan Associati, a Progetti e Servizi SpA

GRUPPO DI LAVORO
Franco Sacchi [Direttore responsabile], Claudio Grossoni [capo progetto], Francesca Boeri, Maria Evelina Saracchi [staff PIM] Valentina Casadei [collaboratrice esterna]

CODICE RICERCA
CON_03_05

DATA
Luglio 2005


CONTENUTO ESSENZIALE

Il presente elaborato è stato concepito in relazione alle prescrizioni emerse in sede di Conferenza di Servizi e fatte proprie dal Ministero dei Trasporti. Le aggiunte, si configurano pertanto come approfondimenti e/o integrazioni al SIA preliminare (che mantiene la sua validità di documento “globale”) da allegare direttamente al progetto definitivo.

Lo studio in oggetto, allegato al progetto definitivo, è, pertanto, composto da quattro elaborati.

AZIENDE A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE, SITI CONTAMINATI E AREE DI BONIFICA

Contiene la dimostrazione della non interferenza/incidenza tra l’intervento di progetto e le aziende a rischio (3 casi nell’area in oggetto), i siti inquinati e le aree di bonifica (un solo caso).

INDICAZIONI RELATIVE ALLE AZIONI DI CANTIERE

Lo studio approfondisce l’intera fase di realizzazione dell’opera principale e delle sue complementari definendo:

  • le tratte operative e le fasi temporali della realizzazione;
  • le localizzazioni dei cantieri base, le loro caratteristiche, organizzazione e accessibilità;
  • le dislocazioni delle cave di reperimento e discarica inerti e la loro accessibilità (percorsi per i mezzi pesanti, studiati in modo da non interferire con le zone urbane);
  • azioni di mitigazione nei confronti di: ambiente idrico, suolo e sottosuolo, flora e fauna, paesaggio.

MITIGAZIONI DELLE OPERE COMPLEMENTARI

Sono rappresentati, secondo la definizione concordata in Conferenza di Servizi, tutti gli interventi relativi alle opere complementari comprendenti:

  • quelli di ricucitura delle reti di relazione, sostituitivi dei percorsi interrotti a seguito della chiusura dei passaggi a livello;
  • le nuove stazioni/fermate ferroviarie con le relative attrezzature (parcheggi di corrispondenza, percorsi ciclabili, ecc.);
  • tutti gli interventi necessari a mitigare le intrusioni visive dei nuovi manufatti di scavalco o sottopasso e a difesa delle componenti ambientali interferite.

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DELLE MITIGAZIONI DELLE OPERE COMPLEMENTARI

Lo studio si riferisce esclusivamente alle mitigazioni delle opere complementari, di inserimento paesaggistico, di arredo delle aree a servizio alle nuove stazioni/fermate, ecc.

Riguarda pertanto il computo delle essenze vegetali: arboree, arbustive, floreali ed a prato, introdotte come mascheratura/arredo delle parti strutturali più esposte alla percezione visiva.

Al contrario il computo non riguarda le mitigazioni a carattere strutturale, ovvero tutti gli accorgimenti adottati per ridurre gli impatti, identificati nel sia preliminare, che hanno comportato scelte radicali sulla struttura ferroviaria (es. la scelta di abbassare il livello del ferro adottanda una soluzione altimetrica in trincea); non riguarda gli interventi di mitigazione del rumore e delle vibrazioni, computate a parte; non riguarda gli interventi di mitigazione ambientale delle zone a parco e dei Siti di Interesse Comunitario

Questo sito web utilizza i Cookies, anche di terze parti, al fine di migliorarne la navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito l’utente acconsente ed accetta l’uso dei Cookies.

E’ attivo il progetto FABPIM – Facilitazione Abilitazione Bandi: un nuovo servizio che il Centro Studi PIM dedica esclusivamente ai propri Soci.

www.pim.mi.it/fabpim