EVENTI

Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio del Comune di Cesano Maderno

TIPOLOGIA ATTIVITA'
Attività svolta su incarico del Comune di Cesano Maderno

GRUPPO DI LAVORO
Franco Sacchi [Direttore responsabile], Francesca Boeri [staff PIM], Valentina Gambirasio [collaboratore esterno]

CODICE RICERCA
CON_01_10

DATA
Luglio 2011


CONTENUTO ESSENZIALE

Con Deliberazione del CC n. 69 del 18/12/2009 il Comune di Cesano Maderno ha revocato la precedente Deliberazione n. 26 del 16/04/2009 inerente l’adozione del Piano di Governo del Territorio e relativi atti, al fine di procedere all’elaborazione di un nuovo PGT da parte della nuova Amministrazione Comunale nel frattempo insediatasi. Con Deliberazione del CC n. 70 del 18/12/2009 viene avviato il nuovo procedimento relativo alla redazione degli atti costituenti il PGT, unitamente alla Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano e alla procedura di Valutazione di Incidenza afferente il SIC presente su parte del territorio comunale. Oggetto dell’incarico al Centro Studi PIM è stata la redazione degli elaborati relativi alla Valutazione Ambientale Strategica del PGT e alla Valutazione di Incidenza sul SIC “Boschi delle Groane”.

Il Rapporto Ambientale, prodotto del processo di VAS, descrive tutte le fasi del processo di valutazione svolte e sintetizza la sostenibilità del piano. Il processo di valutazione ha accompagnato il processo di piano in tutte le sue fasi di vita, dapprima analizzando la sostenibilità degli indirizzi generali del piano e definendone l’ambito di influenza, infine procedendo alla valutazione vera e propria della azioni previste dal piano, individuando i potenziali impatti sull’ambiente e prevedendo eventuali misure compensative e di mitigazione. Nella prima fase del processo di VAS è stato costruito il quadro di riferimento territoriale e ambientale, operazione necessaria per avere un quadro conoscitivo di partenza a cui fare riferimento nelle fasi successive di VAS e per determinare le criticità ambientali a cui porre maggiore attenzione.

La costruzione del quadro della pianificazione sovraordinata è stato il passo successivo, preliminare alla verifica di coerenza esterna, volta ad indagare il grado di accordo tra il PGT e i piani e i programmi vigenti sul territorio comunale, con particolare riferimento ai contenuti ambientali. Al fine di valutare la sostenibilità ambientale delle strategie contenute nel Documento di Piano, fra cui i 10 grandi obiettivi del PGT, e definirne gli impatti, le mitigazione e le eventuali compensazioni ambientali, sono stati identificati 8 criteri di sostenibilità ambientale, che da un lato mirano al miglioramento della qualità ambientale ed urbana del territorio di Cesano M. e alla riduzione dei consumi di risorse non rinnovabili, dall’altra spingono verso una maggiore partecipazione della cittadinanza alla costruzione delle scelte. Tutte le azioni previste dal Documento di Piano sono quindi confrontate con questi criteri, al fine di individuarne l’eventuale effetto positivo/negativo/neutro.

Il Documento di Piano individua 14 ambiti di trasformazione, per un totale di superficie territoriale coinvolta pari a circa 330.000 mq, ovvero il 3% della superficie comunale. Circa il 71% del territorio interessato dagli ambiti di trasformazione ricade su porzioni di tessuto urbanizzato, non solo a carattere residenziale, ma anche a carattere produttivo; in particolare si pensi alle aree ubicate nel quartiere Villaggio Snia sulle quali sorge un importante insediamento chimico oggi sottoutilizzato. La restante quota di territorio interessato dagli ambiti di trasformazione comprende suolo allo stato attuale agricolo e suolo semi-naturale o boschivo; tale porzione di territorio, che ammonta a circa 99.000 mq, rappresenta la quota effettiva di consumo di suolo prevista dal Documento di Piano, in linea con i parametri fissati dal PTCP Milano. All’interno del processo di VAS, per ogni ambito di trasformazione è stata predisposta una scheda che permette la valutazione ambientale degli interventi previsti. In particolare si evidenzia la tipologia di suolo (urbanizzato/non urbanizzato) interessata dalla trasformazione e si schematizza la distribuzione delle superfici all’interno dell’ambito per destinazione d’uso prevista. Infine, si forniscono valutazioni di carattere qualitativo su alcuni elementi (connessione con il trasporto pubblico e la rete ciclabile, interruzioni di reti ecologiche, progetti di rinaturalizzazione previsti) che possono determinare un effetto sull’ambiente. Il processo di VAS si è concluso con la progettazione di un Sistema di Monitoraggio, basato su 24 indicatori, con l’obiettivo di misurare nel tempo l’efficacia della azioni di piano, evidenziando eventuali limiti e provvedendo ad individuare le necessarie azioni correttive.

Lo Studio di Incidenza ha, infine, valutato i possibili effetti del PGT sul Sito di Importanza Comunitaria, incluso nel territorio del Parco delle Groane e ricadente in parte nel territorio comunale di Cesano M., denominato “Boschi delle Groane”. Poiché le previsioni insediative del PGT si sviluppano in siti sufficientemente lontani dall’ambito del SIC, lo Studio non ha evidenziato possibili impatti negativi.

Questo sito web utilizza i Cookies, anche di terze parti, al fine di migliorarne la navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito l’utente acconsente ed accetta l’uso dei Cookies.

E’ attivo il progetto FABPIM – Facilitazione Abilitazione Bandi: un nuovo servizio che il Centro Studi PIM dedica esclusivamente ai propri Soci.

www.pim.mi.it/fabpim