Saronno Malpensa. Opere complementari in Comune di Ferno-Lonate Pozzolo. Variante alla SP.40. Verifica ex Art. 10 DPR 12/04/96

TIPOLOGIA ATTIVITA'
Attività svolta su incarico di Ferrovie Nord Milano Ingegneria

GRUPPO DI LAVORO
Franco Sacchi [Direttore responsabile], Grossoni [capo progetto], Maria Evelina Saracchi [staff PIM]

CODICE RICERCA
CON_01_05

DATA
Gennaio 2005


CONTENUTO ESSENZIALE

La presente emissione integra la precedente, realizzata nel marzo 2003, prendendo in considerazione l’intero itinerario stradale da Samarate a Ferno-Lonate Pozzolo, comprendendo quindi nelle analisi anche il tratto centrale (Ferno-Lonate) previsto in galleria e già oggetto di progettazione esecutiva. Il resto dello studio viene ripresentato con gli identici contenuti della versione di marzo 2003.

Il progetto dei collegamenti viabilistici in esame, che interessa quasi esclusivamente il territorio comunale di Lonate Pozzolo, in Provincia di Varese, si configura come opera complementare alla realizzazione della connessione ferroviaria Saronno-Malpensa ed è finalizzato alla ridefinizione dei collegamenti stradali con la SP 40, il cui tracciato è stato parzialmente variato in relazione alla nuova linea ferroviaria. Benché tale intervento (realizzato prevalentemente “in affiancamento” o “in sovrapposizione” al nuovo tracciato ferroviario) ricada interamente all’interno del perimetro del Parco Lombardo della Valle del Ticino, esso non interessa alcuna area naturale protetta, ai sensi della L. 394/91, individuata dal PTC del Parco.

La procedura di verifica ambientale prevista per tali interventi (definita dall’art. 4 della LR 20/99:) consiste pertanto nella descrizione delle caratteristiche dimensionali e tecniche del progetto corredata da un’analisi del contesto che consenta di valutare i principali effetti sull’ambiente urbano ed extraurbano circostante e sulla capacità di carico delle risorse naturali presenti.

Lo studio analizza in primo luogo gli scenari attuali e futuri della rete stradale, con i relativi volumi di traffico rilevati e prospettati.

In secondo luogo considera le caratteristiche della zona sia dal punto di vista del sistema insediativo che dal punto di vista ambientale, evidenziandone gli aspetti peculiari, soprattutto dei comparti interessati dalla variante stradale in oggetto. Di particolare rilevanza sono le relazioni tra il progetto ed il Parco Lombardo della Valle del Ticino.

Dalla verifica delle azioni del progetto sull’ambiente urbano e, soprattutto extraurbano, si sono individuate le maggiori situazioni di criticità.

Lo studio giunge, infine, a considerazioni conclusive sostanzialmente finalizzate ad individuare gli interventi di moderazione e compensazione degli effetti prodotti dal progetto della variante stradale. Propone opere di mitigazione, anche di consistenza rilevante, sia nella zona ad est di Lonate Pozzolo, sia nel tratto centrale, dove il sedime della variante è previsto in interrato (gologia, geotecnia, idrogeologia, ecc.). Si consiglia, invece, un rinvio ad uno specifico studio di approfondimento per il caso di maggior criticità relativo all’utilizzo, da parte della variante, del sedime posto sopra la galleria artificiale in cui corre la linea ferroviaria Malpensa Express