EVENTI

Informatizzazione e adeguamento del PRG vigente del Comune di Vernate

TIPOLOGIA ATTIVITA'
Attività svolta su incarico del Comune di Vernate

GRUPPO DI LAVORO
Luciano Minotti [Direttore responsabile],

Pierluigi Nobile [capo progetto], Mauro Barzizza, Francesca Cella, Alma Grieco, Misa Mazza, Claudio Paraboni [staff PIM]; Giovanna D’Angelantonio, Elena Saracchi [collaboratori esterni]

CODICE RICERCA
CON_15_03

DATA
Luglio 2004


CONTENUTO ESSENZIALE

Il Comune di Vernate, che fa parte degli Enti aderenti al Centro Studi PIM, nell’ambito di un programma di formazione del sistema informativo territoriale comunale e di adeguamento del PRG per l’assetto delle aree a destinazione industriale site in fregio alla SP 30 ha affidato l’incarico al Centro Studi PIM per procedere all’informatizzazione dello strumento urbanistico ed alla definizione di una modifica al PRG per il rafforzamento del polo produttivo.
L’attività svolta dal Centro Studi PIM ha quindi portato all’elaborazione di due distinti elaborati, che sono stati oggetto di deliberazione da parte del Consiglio Comunale. In particolare, una parte dell’attività ha riguardato la trasposizione informatica dell’azzonamento del PRG vigente sulla nuova cartografia digitale. In occasione di tale operazione si è provveduto a recepire il perimetro del Parco Agricolo Sud Milano, così come definito a seguito dell’approvazione del Piano Territoriale di Coordinamento del Parco (cfr delibera GRL n. VII/818 del 3.8.2000).
Per l’informatizzazione del PRG si è fatto ricorso al software ArcView che, oltre a consentire la formazione di un Sistema informativo Georeferenziato (GIS), risulta essere utilizzato dalla Provincia di Milano, dalla Regione Lombardia, ed anche da molti altri Comuni della provincia milanese, permettendo un più facile “dialogo” per quanto concerne lo scambio di dati ed informazioni sul territorio.
L’operazione di natura esclusivamente tecnica di trasposizione informatica dell’azzonamento del PRG, pur senza alcuna modifica, ha richiesto comunque un passaggio istituzionale attraverso il percorso di Variante al PRG, secondo la procedura semplificata prevista dalla Legge Regionale n° 23 del 1997 che, all’articolo 2 lettera c), contempla tra le varianti quelle conseguenti alla disponibilità di rilevazioni cartografiche aggiornate.
La seconda parte dell’attività ha riguardato la definizione di una proposta di modifica del perimetro del Parco Agricolo Sud Milano. Nello specifico, a seguito della necessità di disporre di un margine al consolidamento/espansione della zona produttiva esistente (261.000 mq), in prossimità di Pasturago, si è proposto di ampliare in modo razionale tale zona con l’utilizzo di un’area di circa 62.800 mq, di cui viene proposto lo stralcio dal perimetro del Parco Agricolo Sud Milano. Al fine di compensare lo stralcio dal Parco è stata conseguentemente individuata un’area (di equivalente dimensione), ad ovest della zona umida di Pasturago, per la quale si propone l’inclusione nel perimetro dello stesso Parco.
Prima di formalizzare questa proposta di modifica con l’approvazione da parte del Consiglio Comunale erano stati avviati contatti preventivi con la struttura tecnica del Parco Agricolo Sud Milano, che aveva esplicitato (con lettera) un sostanziale assenso, previo lo svolgimento della procedura definita ai sensi della legge (art. 19 LR86/83).
L’attività è consistita nella produzione di elaborati che individuano le aree interessate dalla proposta di modifica ed uno schema di variante all’azzonamento del PRG, che sarà possibile adottare solo dopo che l’iter di modifica del perimetro del Parco Agricolo Sud Milano sarà compiuto

Questo sito web utilizza i Cookies, anche di terze parti, al fine di migliorarne la navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito l’utente acconsente ed accetta l’uso dei Cookies.

E’ attivo il progetto FABPIM – Facilitazione Abilitazione Bandi: un nuovo servizio che il Centro Studi PIM dedica esclusivamente ai propri Soci.

www.pim.mi.it/fabpim