Aggiornamento Piano Generale del Traffico Urbano e Piani Particolareggiati del Comune di Cesano Boscone

TIPOLOGIA ATTIVITA'
Attività svolta su incarico del Comune di Cesano Boscone

GRUPPO DI LAVORO
Franco Sacchi [Direttore responsabile], Mauro Barzizza (capo progetto), Maria Evelina Saracchi [staff PIM]; Sara Bonvissuto, Luca Sterpi [collaboratori esterni]

CODICE RICERCA
CON_09_08

DATA
Febbraio 2009


CONTENUTO ESSENZIALE

Il Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) è uno strumento tecnico-amministrativo di breve periodo (biennio), che fa riferimento alle infrastrutture esistenti e ai progetti in fase di attuazione, rispetto ai quali individuare gli interventi di riorganizzazione dell’offerta e di orientamento della domanda.

Tale strumento necessita di aggiornamenti periodici sia per il monitoraggio dello stato di attuazione che per l’approfondimento particolareggiato di specifiche tematiche.

Lo studio riguardante il comune di Cesano Boscone si articola in due parti principali: la fase analitica e quella progettuale, precedute dall’inquadramento sovracomunale di medio-lungo periodo.

La fase analitica consiste nella lettura della situazione attuale ottenuta mediante:

  • raccolta di documentazione relativa a progetti in fase di attuazione (presso gli uffici tecnici e attraverso il patrimonio tecnico conoscitivo a disposizione del Cento Studi PIM);
  • l’effettuazione di indagini e sopraluoghi sul campo (aprile-maggio 2008).

La documentazione raccolta si riferisce alle seguenti tematiche:

  • sistema della viabilità;
  • trasporto pubblico;
  • dotazione di parcheggi e regolamentazione della sosta;
  • rete ciclabile;
  • incidentalità;
  • flussi di traffico sulla rete viaria.

Particolare attenzione è stata posta sia al tema della sosta (effettuando un’indagine capillare sul territorio comunale), che ai flussi di traffico.

Parallelamente alla lettura della situazione attuale è stata effettuata una lettura dello stato di attuazione del PGTU vigente.

Nella fase propositiva vengono formulate le ipotesi di intervento necessarie al fine di risolvere le criticità e le problematicità emerse nella fase analitica.

Contestualmente al Piano sono stati sviluppati i Piani Particolareggiati relativi al quartiere Tessera e al controviale nord della SS494 (via Benedetto Croce), individuando le ipotesi d’intervento volte a migliorare la funzionalità degli assi stradali, l’inserimento nel contesto urbano e la mobilità delle componenti deboli.

A conclusione del documento vengono organizzati in tre fasi gli interventi proposti.

Questo sito web utilizza i Cookies, anche di terze parti, al fine di migliorarne la navigazione. Continuando ad usufruire di questo sito l’utente acconsente ed accetta l’uso dei Cookies.

E’ attivo il progetto FABPIM – Facilitazione Abilitazione Bandi: un nuovo servizio che il Centro Studi PIM dedica esclusivamente ai propri Soci.

www.pim.mi.it/fabpim